Frittelle De Marchi a Mantova: “Quando porto gli aiuti a Lunetta o all’estero non vedo nessuno di quelli che mi criticano”.

L’attacco a quanti l’hanno criticato

Dopo essere stato travolto dalle polemiche per l’iniziativa, alla fine annullata, che prevedeva, per il pomeriggio di venerdì 15 febbraio, la distribuzione gratuita di frittelle ai bambini italiani ma non ai bimbi stranieri, il consigliere comunale di minoranza nelle file di Fratelli d’Italia Luca de Marchi passa al contrattacco. Nel mirino finiscono quanti, soprattutto dall’area di centrosinistra e sinistra, lo hanno duramente contestato per l’iniziativa che era stata programmata al luna park in questi giorni allestito nei pressi di Palazzo Te. “Di tutte queste anime belle che mi si sono scagliate contro – afferma il consigliere di minoranza – non vedo mai nessuno a darmi man forte quando porto aiuti a tutti coloro che ne hanno bisogno. A maggio dello scorso anno, a mie spese, ho portato aiuti economici all’Ospedale Pediatrico di Damasco, la capitale della Siria. Ma nessuno si è fatto avanti per venire insieme a me. E ormai da anni, ogni sabato, acquisto dei beni di prima necessità che poi porto a Lunetta a chi ha bisogno, italiani o stranieri che siano. Ma anche in questo caso non vedo nessuno ad aiutarmi.  Anzi, alla fine ci rimetto pure: le gomme dell’auto le hanno tagliate a me, non ad altri. E le scritte ingiuriose e minacciose con le bombolette spray, qui e là, erano destinate a me. Ho sempre aiutato tutti, ma non vedo mai nessuno che collabori con me in queste iniziative”.

“Un’uscita infelice”

È un fiume in piena il consigliere comunale di Fratelli d’Italia de Marchi, che continua: “Quella delle frittelle è stata un’uscita infelice, ma non credo sia giusto mettermi in croce. Chi mi conosce sa che ho sempre aiutato tutti senza alcuna distinzione, cosa che continuerò a fare. Indipendentemente dalle critiche ricevute, dagli insulti e dalle minacce nei miei confronti”.

Leggi anche:  Il comitato per la tutela e la promozione dell'ospedale di Pieve di Coriano continua a battersi

La Cgil: “Zucchero filato per tutti i bambini”

In risposta all’iniziativa che era stata organizzata da de Marchi, sempre per oggi venerdì 15 febbraio 2019, la Cgil ha organizzato una manifestazione alternativa, che prevede la distribuzione di zucchero filato a tutti i bambini, senza alcun tipo di distinzione, “per rinnovare un messaggio di fratellanza e solidarietà, per rispondere alle idee discriminatorie, xenofobe e razziste con fermezza ma con fantasia”, spiega la nota diffusa dal sindacato.

LEGGI  ANCHE: Ortopedia Oglio Po, operati altri due campioni del motociclismo italiano