Le ultime volontà del sindaco Cavatorta: fondi per Viadana. Raccolta fondi per il restauro del monumento ai caduti e della bandiera segnavento.

Fondi per la sua città

Le ultime volontà del sindaco Giovanni Cavatorta, scomparso nella giornata di sabato 18 maggio 2019 all’ospedale di Mantova, sono chiare: una raccolta di fondi per la propria cittadina. Proprio così: il primo cittadino, le cui esequie sono state celebrate martedì 21 maggio 2019, ha chiesto che venisse aperta una raccolta fondi in propria memoria. I fondi così utilizzati dovranno essere destinati a due opere per la propria cittadina: il restauro del monumento ai Caduti e il restauro della bandiera segnavento sopra la Torre Civica.

Amore per Viadana

L’amore di Cavatorta per la sua cittadina, Viadana, era ed è noto a tutti. E le ultime volontà espresse da Cavatorta, ovvero una raccolta di fondi finalizzata a realizzare due opere pubbliche in favore di Viadana e dei suoi cittadini, ne sono un’ennesima conferma. Amici, conoscenti, colleghi a livello politico, nei giorni subito seguenti la scomparsa, del resto, avevano ricordato il compianto sindaco come una persona che per Viadana ha sempre lavorato tantissimo fino a diventarne primo cittadino.

Leggi anche:  Pauroso frontale a Viadana, in auto anche bimba di 3 anni

Tutte le info

Sul sito del Comune di Viadana è stata aperta questa pagina dedicata, che riporta il seguente messaggio contenente le informazioni necessarie, nonché l’iban al quale destinare eventuali donazioni come da volontà di Cavartorta. Questo il messaggio sul sito internet del Comune: “E’ stato aperto un conto corrente di tesoreria presso la Banca Popolare di Sondrio S.P.A. per la raccolta fondi in memoria del Sindaco Giovanni Cavatorta, finalizzati, secondo le sue ultime volontà, al restauro del Monumento ai Caduti e della bandiera segnavento della Torre Civica. Le coordinate bancarie sono le seguenti: Iban IT52W 05696 58020 00000 9000X38“.

 

LEGGI ANCHE: Bambino trovato morto in casa: il padre chiama i soccorsi e poi si dà alla fuga