Il consigliere comunale di Fratelli d’Italia, Luca De Marchi, interviene sulla questione inerente l’episodio di molestie a danno di una ragazza a Mantova.

Molestata al Kebab

“Se è vero carissimo sindaco e carissimi buonisti fautori del “poverino” tre immigrati o profughi o clandestini, avrebbero tentato di molestare, o lo hanno fatto, una ragazza a Mantova. Di li si dice l’intervento delle autorità competenti che a quel che si sente nulla o poco hanno potuto, se non chiudere il locale.”
Ha dichiarato De Marchi per poi proseguire:
“Ci rendiamo conto che razza di delinquenti vigliacchi risiedono sul nostro territorio? E la gente gli dà pure i soldi? E chi li va a cercare per stringergli le mani? Bravissimi, spero non tocchi mai a vostra figlia. Occorre immediatamente censire tutti questi soggetti che risiedono a vario titolo e non sul nostro territorio, associazioni, cooperative, e singoli privati siano oggetto di auto dichiarazione se ospitano o affittano a questi soggetti, e isolare i primi dai secondi che vanno immediatamente espulsi da Mantova”.

Mi impegno a raccogliere suggerimenti anonimi

“Sento ancora parlare di fondi per l’integrazione di aiuti a questi soggetti che a Mantova  prosperano indisturbati, basta pagare anche per chi mette a rischio la sicurezza dei nostri ragazzi e non solo. Immediata ricognizione delle abitazioni anche aiutati dai suggerimenti anonimi che mi impegno a raccogliere e a girare alle forze di polizia incaricate e al sindaco responsabile della sicurezza in città.
E lei sindaco, intende prendere delle decisioni chiare per arginare il fenomeno sempre più dilagante della presenza di soggetti a noi sconosciuti oppure Mantova diventerà il paradiso di spacciatori, molestatori, parcheggiatori abusivi e tutto ciò che serve a questa gente per autofinanziarsi non certo per fare opere di beneficenza?”.