Ospedale Oglio Po: Forattini: ”Dalla Regione nessuna volontà di salvare il punto nascita”. Sul tavolo le prime proposte per potenziare l’Ospedale.

Ospedale Oglio Po

“Dalla Regione nessuna volontà di salvare il punto nascita di Oglio Po ma la nostra battaglia per rafforzare l’Ospedale e i servizi sul territorio continua”. Ad affermarlo è la consigliera regionale del Pd Antonella Forattini, a seguito dell’incontro che si è tenuto ieri, martedi 10 luglio, con l’assessore alla Sanità, Giulio Gallera, il direttore dell’Ats Valpadana, il direttore dell’Asst di Cremona e Mantova e una delegazione di sindaci del casalasco e del viadanese.

Potenziamento della struttura

“Abbiamo appreso- sottolinea Forattini – della volontà della Regione di non ritirare la delibera relativa alla chiusura del punto nascita di Oglio Po e di non predisporre un’ulteriore richiesta di deroga. Da parte nostra, a parte ribadire la volontà di sostenere il punto nascita, abbiamo chiesto e ottenuto che, al tavolo istituzionale che sarà convocato a breve, vengano concretizzati gli impegni presi per il potenziamento del polo ospedaliero”.

“Già nell’incontro di ieri – continua – Gallera ha illustrato alcune proposte volte a dare più servizi al territorio. Proposte a cui dovranno essere dedicate risorse adeguate e un bilancio dedicato e che dovranno essere valutate dai sindaci dal comitato e da tutto il territorio”.

Leggi anche:  Bonus famiglia, dalla Regione pronti due milioni di euro

Risposte concrete

“Da parte nostra- conclude la consigliera Pd – abbiamo consegnato a Gallera le proposte del Comitato e chiesto che siano valutate e integrate con le altre. Abbiamo accolto con favore la sua proposta di arrivare a un’apposita delibera regionale che metta tutto nero su bianco, nel breve e medio periodo. Il nostro obiettivo è dare risposte concrete e tempi certi a un territorio che sta vivendo una pesante crisi e che la chiusura del punto nascita ha ulteriormente peggiorato”.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE!