Punto nascite Oglio Po a Casalmaggiore, la chiusura può essere evitata.

Punto nascite Oglio Po

“La questione punto-nascita di Casalmaggiore non è chiusa. Abbiamo avuto conferma dal Ministero della Salute che il parere del Comitato Percorso Nascite Nazionale è solo consultivo e non vincola la Lombardia a chiudere per forza. L’Assessore Gallera non può incolpare le politiche nazionali per la cancellazione del reparto. La serrata dipende solo dalla Lombardia e dai gravi errori di programmazione sanitaria degli ultimi anni”, così Andrea Fiasconaro e Marco Degli Angeli, consiglieri regionali del M5S Lombardia.

Piano di rilancio

“A fronte degli errori del passato ci auguriamo che, a pochi giorni dalla chiusura, prevalga la volontà di dialogare (come accaduto in altre Regioni come il Veneto) e di adottare finalmente un piano di rilancio. Privare i cittadini del punto nascita significa cancellare opportunità di crescita e sviluppo, allontanare le persone dal territorio e costringere le donne partorienti a viaggi della speranza per raggiungere altri punti nascita su strade in condizioni spesso cattive e con tempi di percorrenza inaccettabili, aspetto sottostimato nella richiesta di deroga”.